lunedì 1 luglio 2013

Colazione golosa con tocco esotico

Primo giorno di luglio. Stanchezza infinita, spossatezza e tanta voglia di evadere, anche solo per qualche minuto, verso destinazioni tropicali, coccolati dai suoni degli animali e dal delicato rumore della brezza marina. Riapro gli occhi e il suono nevrotico dei clacson mi ricorda che è ora di alzarmi, nonostante sia presto (io mi alzo sempre all'alba), perché mi aspetta un'altra settimana di lavoro, nella mia caotica e inquinata città. Niente luoghi esotici, niente natura pacifica. Le vacanze sono ancora lontane, ahimè.

Apro il tablet e vengo sopraffatta da un pungente senso di noia misto a fastidio (benevolo, s'intende) nel vedere le pagine Facebook degli amici in vacanza popolarsi di foto invidiabili. Ecco allora che dentro di me scatta l'unica forma di evasione che posso permettermi: preparare una colazione estiva creativa! Guardo in frigorifero e nella dispensa... ahi, oggi proprio butta male. Mi accorgo però che mi sono avanzate 4 albicocche, mezzo sacchettino di nocciole e un po' di latte di cocco. Che faccio? Frullato "solare" con mini-ciambelle e tegoline alle nocciole. E la giornata prende un'altra piega...


Ingredienti per due bicchieri di frullato:
  • 4 albicocche
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 200 ml di latte di cocco (se non lo conoscete, provate quello bio di Altromercato, che proviene dalla Tailandia ed è davvero ottimo!)

Ingredienti per una teglia di tegoline o mini-ciambelle (se avete degli stampi piccoli piccoli in silicone):
  • 50 g di burro (io oggi ho usato quello vegetale)
  • 70 g di zucchero
  • 1 uovo
  • 70 g di farina 00 del Molino Spadoni
  • 70 g di nocciole tritate

Prima cosa, l'impasto per i biscotti: ho mescolato il burro con lo zucchero; vi ho incorporato l'uovo intero e, a seguire, la farina e le nocciole tritate. Con l'aiuto di un cucchiaio ho versato su una teglia ricoperta di carta da forno delle piccole quantità di questo impasto cremoso (il corrispettivo di un cucchiaino da caffè), distanziate tra loro di almeno 5 cm. Se invece avete uno stampo in silicone per madeleine o mini-ciambelle, potete versare lì il vostro composto. Ho infornato a 180° per un quarto d'ora e ho lasciato raffreddare. 


Nel frattempo, ho frullato le albicocche con lo zucchero e ho versato nelle tazze trasparenti; sopra vi ho aggiunto lentamente il latte di cocco. Vi starete chiedendo perché non ho frullato la frutta con il latte... ehm, lo ammetto, solo perché mi piaceva di più l'effetto visivo, hi hi. Ovvio che poi per berlo l'ho mescolato. D'altronde, quando si mangia lo si fa anche (e prima di tutto) con gli occhi, no?!

Buon inizio di settimana, amici della Colazione!



6 commenti:

  1. decisamente vero: prima gli occhi, poi.... la libidine del palato! che colazione caraibica, ottima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) è lunedì, bisogna pur tirarsi su di morale, no?! hi hi Buona giornata!

      Elimina
  2. Ammiro la tua voglia mattutina di metterti ai fornelli per colazione!!
    La tua versione caraibina mi è piaciuta...alla faccia di chi è in vacanza ^_^
    E poi c'è chi come mai vive al mare e non l'apprezza...ma questa è un'altra storia... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh... bisogna pur reagire al lunedì mattina ;-)
      maddai, vivi al mare??? uhhh che invidia! in che zona sei di bello?

      Elimina
    2. Vivo nel savonese ^_^

      Elimina