lunedì 25 febbraio 2013

Treccia da colazione, dolcemente soffice

Sapete quando vi svegliate con un'idea fissa?! Ieri, complice la neve che mi rende sempre un po' nostalgica, mi sono alzata con un pensiero solo: riuscire a riprodurre la trecciona dolce che mangiavo da bambina! Ora, calcolando che non sapevo da che parte iniziare e che anche i ricordi erano un po', come dire, offuscati dal passare degli anni (sigh!), mi sono messa a fare un po' di ricerche sui libri di cucina: così ho preso spunto da tre ricette diverse e, a tavolino, ho creato nuove dosi e mix di ingredienti, in altre parole un tentativo bell'e buono. Posso dirvi che la soddisfazione di vederla lievitare e colorire nel forno mi ha fatto venire gli occhi lucidi?! :-) Eccola qui. Bellina, vero?


Se volete provare a farla anche voi, ecco qui gli ingredienti che ho usato:
  • 250 g di farina Manitoba di Molino Spadoni
  • 200 g di farina 00, sempre di Molino Spadoni
  • 150 ml di latte
  • 100 g di zucchero
  • 100 g di burro ammorbidito
  • 2 uova
  • un pizzico di sale
  • 80 g di frutti rossi essiccati (in realtà credo siano molto più intonate le uvette ma... a mio marito non piacciono!)
  • 1 bustina di lievito di birra secco 
  • una manciata di zuccherini bianchi

Per comodità, ho fatto impastare e lievitare tutto nella macchina del pane (lo so, sono un po' sfaticata!) con il programma "impasto"; ho inserito, nell'ordine: il latte, il burro, il tuorlo di un uovo (l'albume tenetelo da parte, mettetelo in frigorifero perché serve alla fine), un uovo intero, la farina, lo zucchero, il sale, i fruttini, il lievito.
Dopo circa 2 ore era tutto bello gonfio e compatto. Ho diviso l'impasto in 3 parti uguali e con le mani ho creato delle strisce di pasta (un po' come per i grissini ma con un diametro di circa 4 cm). Dopodiché ho unito, sulla teglia ricoperta di carta da forno, le tre estremità di queste strisce e ho creato la treccia.
Infine, con l'albume che avevo messo in frigorifero ho spennellato la superficie e ho distribuito gli zuccherini. In forno a 180° per 40 minuti circa e... voilà! 


Mmmm che profumo! Buona colazione! :-)


3 commenti:

  1. Ciao sei bravissima ti seguo sempre e mi dai molte ricette utili, volevo farti una domanda...che macchina del pane usi? Perché io vorrei acquistare una da tempo ma non so in base a cosa scegliere...cosa mi consiglieresti? Grazie mille ps ti ho vista stamattina in tv sei favolosa :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, che belle parole!!! E che emozione la TV!!! :-) Venendo alla macchina del pane: non sono un'espertissima di marche, però posso raccontarti la mia esperienza. Finora ne ho avute due, che ho scelto soprattutto in base alla forma (alcune sono troppo ingombranti e nella mia cucina non ci stavano): quella con cui mi sono trovata meglio era della Kenwood (adesso invece ne ho una di cui non ricordo neanche il nome ma sinceramente non è un granché).
      Spero di esserti stata d'aiuto. A presto!
      PS: fammi sapere come va a finire... magari scopri una nuova marca fantastica! :-)

      Elimina
  2. Grazie mille :-) gentilissima, nel caso ti farò sapere :-)

    RispondiElimina