mercoledì 30 gennaio 2013

Crostatine da passeggio

Ieri volevo preparare un dolcetto goloso e... improvvisamente ecco il flash: le crostatine che mangiavo da piccola, quando tornavo da ginnastica ritmica (oh mamma, se ripenso a quant'ero goffa e imbranata, mi sento male). Ma tornando a loro, le merendine, sì, erano decisamente adorabili, con quella bella forma regolare e la cremina marrone (avanti, avete capito benissimo di cosa sto parlando :-)). Chissà se poi erano davvero così buone come me le ricordo io? Sono passati tanti di quegli anni... e da allora non le ho più assaggiate!
Insomma, per farla breve, ho deciso di provare a reinventarle, aggiungendo un tocco di genuinità e originalità, che non guasta mai! ;-) Il risultato? Delle crostatine da passeggio a forma di stella.


Per preparare la frolla, ho usato (dosi per 4):
  • 120 g di farina 00
  • 60 g di burro
  • 50 g di zucchero
  • 1 tuorlo d'uovo
  • 1 pizzico di sale

Ho sbattuto il burro fuso con lo zucchero e poi vi ho incorporato il rosso d'uovo, la farina, il sale e... ho impastato tutto e l'ho lasciato riposare una mezz'oretta in frigorifero. A questo punto, dopo aver scaldato un pochino la pasta tra le mani, l'ho stesa con il mattarello (dev'essere spessa circa 3 millimetri) e poi ho usato le formine per creare con la stella grande la base della crostatina e con le due più piccole la copertura e il relativo foro. 

E in mezzo? Beh, chi mi conosce ormai sa che ho una preferenza per prodotti di un certo tipo... e in questo caso, non potevo non utilizzare la Cajita, la crema spalmabile di Altromercato con anacardi e nocciole... buonissima e, non ditelo a nessuno, la preferita di mio papà! ;-) 

Infine, per rendere più divertente questa strana crostatina, ho aggiunto uno stecco di legno (appoggiandolo sopra alla base, prima della Cajita e della copertura). 

In forno a 180° per 10 minuti circa e...


...buona colazione da passeggio! ;-)


venerdì 25 gennaio 2013

Biscotti integrali creativi

Non vi capita mai di aver voglia di preparare una teglia di biscotti senza dover necessariamente fare troppa fatica? Questi vi posso assicurare che li ho fatti proprio con questo spirito: poco tempo a disposizione, stanchezza di fine settimana e tanta voglia di abbinare qualcosa di goloso al mio classico tè Earl Grey  :-)



Ingredienti:
  • 90 g di farina integrale
  • 40 g di farina 00
  • 100 g di burro
  • 100 g di zucchero
  • 1 rosso d'uovo
Dopo aver ammorbidito il burro con lo zucchero, ho aggiunto il rosso dell'uovo e le due farine. Ho impastato a mano per benino (lo so, l'impasto si sbriciola un po', ma è normale!) e poi ho steso delle piccole strisce di pasta sulla carta da forno; ho infornato a 180° per 10-15 minuti e... a questo punto, l'unico problema è stato cercare di non finirli in una volta sola ;-)


Buon tè :-)


mercoledì 23 gennaio 2013

Per il compleanno di Simo, crostata di mamma Sandra

Ieri era il compleanno di Simone, mio marito, e per festeggiarlo siamo andati a pranzo dai suoi genitori. Premesso che, come sempre, abbiamo mangiato divinamente dal primo al dessert, la mitica Sandra (mia suocera) ha preparato il dolce preferito del festeggiato: una crostata alla frutta un po' particolare. E così ho pensato: perché non proporvela per una colazione speciale?

Eccola qui... la ricetta "segreta" della Sandra ;-)

Ingredienti per la frolla:
  • 300 g di farina 00
  • 200 g di zucchero
  • 125 g di burro
  • 50 g di nocciole tostate e poi tritate
  • 1 uovo
Per prepararla, impastate tutti gli ingredienti e lasciate riposare mezz'ora in frigorifero avvolta nella pellicola. 
Nel frattempo, imburrate la teglia e stendete la pasta lasciando i bordi abbastanza alti. Posizionate sul fondo della torta un disco di carta da forno e versatevi sopra un po' di riso. Fate cuocere a 180° per 20 minuti circa, poi eliminate il riso e infornate altri 5 minuti. 

Quando la base di frolla sarà fredda, farcitela con:
  • 2 budini alla vaniglia
  • frutta fresca a piacere
Infine, prima di servire, un trucchetto: spolverate tutto con un po' di zucchero a velo... la frutta risulterà più lucida.

Che dite? Ho o non ho una suocera fantastica?! :-) 



Buona colazione con crostata... e buon compleanno Simo!


lunedì 21 gennaio 2013

Il plumcake della nonna... racconti d'infanzia

Scusate ma proprio non ho potuto fare a meno di condividere con voi questa ricetta, che ho trovato nel vecchio libro di cucina di mia nonna Elvira: il "plum cachi". Ehm, sì, mia nonna, classe 1912, non era ferratissima con le lingue e, a dirla tutta, neanche in cucina. Il vero chef di casa era il nonno, che preparava paste al forno spettacolari, polpettoni scenografici, sughetti da far venire l'acquolina... ma i dolci, no! Quelli spettavano alla nonna. Non ne preparava tanti, anzi direi che erano sempre gli stessi: la torta limoncina, la crostata, il plumcake. Per lo meno, diciamo che questi erano i suoi "pezzi forti".

Ma quello che ricordo con più affetto era il famoso "plum cachi", le veniva sempre "difettoso": che ridere, quando la domenica io e i miei cugini andavamo a pranzo da lei, sapevamo già che dolce aveva preparato da come ci apriva la porta! Se era furibonda, era lui, il plumcake con il Grand Canyon in mezzo. Non ce n'era, le aveva provate tutte: aveva infarinato le uvette, aveva diminuito il burro, aveva abbassato il forno, aveva provato addirittura a eliminare le uvette o a non usare il liquore per ammorbidirle... ma niente da fare, lui saliva saliva saliva fino a metà cottura e poi all'improvviso sbadabem! crollava. Con conseguente ira della nonna. Che poi a dirla tutta, non so quanto fosse arrabbiata per davvero o quanto piuttosto recitasse la parte per noi nipotini, che ci divertivamo come pazzi a prendere in giro la sua dolce creatura... :-)

Ecco il plumcake della nonna... e il foglietto che vedete è la sua ricetta originale!

Però, devo confessarlo, al di là del lato estetico, questo dolce è sempre stato il mio preferito!!!
Quindi, eccomi qui con gli ingredienti della nonna e... non spaventatevi se nella cottura si creerà un solco al centro... fa parte della ricetta! ;-)

  • 140 g di farina bianca 
  • 100 g di burro
  • 100 g di zucchero
  • 2 uova
  • una bustina di lievito 
  • 100 g di uva sultanina lasciata in ammollo e poi asciugata e infarinata
Prendere il burro e sbatterlo con lo zucchero (la nonna ricordo che impiegava non so quanto tempo a compiere questa operazione, perché il burro deve sciogliersi lentamente e si deve creare una bella crema morbida), unire le uova (uno alla volta), infine aggiungere la farina, il lievito e le uvette infarinate. 
Se si vuole, un goccio di cognac o la scorza grattugiata di un limone. Infornare per 40 minuti circa a 170°.


Buona colazione e... grazie nonna!

venerdì 18 gennaio 2013

Biscottini alle nocciole

Quant'è affascinante un buon tè accompagnato da golosi biscottini tondeggianti? 


Sono solo io che adoro apparecchiare la tavola la mattina con teiera, dolcetti e tazze rigorosamente abbinate?! ;-) Mmm, comunque sia, per il week end mi è venuta in mente questa ricetta molto semplice e veloce di frollini alle nocciole che, accompagnati da un tè al cacao o alla vaniglia, secondo me sono davvero il top!!! 


Ingredienti per una teglia abbondante di biscotti:
  • 50 g di burro
  • 100 g di farina 00
  • 50 g di nocciole pelate
  • 80 g di zucchero
  • 1 uovo
Ammorbidite il burro con una forchetta e incorporatevi lo zucchero e le nocciole (precedentemente frullati  insieme nel tritatutto). A seguire, aggiungete l'uovo e mescolate bene l'impasto. 
Lasciatelo riposare per un quarto d'ora in frigorifero e poi create tante palline (grandi come un'oliva, tanto per intenderci); disponetele sulla teglia ricoperta di carta da forno e con una forchettina schiacciatele delicatamente per decorarle. Infornate a 180° per 10 minuti circa e...


..buon tè!

mercoledì 16 gennaio 2013

Semplici panini al latte con cioccolato fondente

Sono un po' di giorni che continuano a venirmi in mente i panini al latte che mi facevano impazzire quand'ero piccola... li mangiavate anche voi? Quelli con le gocce di cioccolato. Gnam, che buoni! :-)
So che non sono chissà quale invenzione, ma in un blog dedicato alla colazione... ci vogliono!


Ecco, quindi, come li ho preparati. Per 10-12 panini, ho inserito nella macchina del pane (programma "impasto" che comprende anche la lievitazione) i seguenti ingredienti:
  • 280 ml di latte (ovviamente io ho usato quello di soia, ma con quello vaccino immagino siano ancora più gustosi)
  • 70 g di burro fuso
  • 450 g di farina 00
  • 100 g di zucchero
  • un pizzico di sale
  • 1 bustina di lievito secco per il pane
Una volta che l'impasto è lievitato, l'ho suddiviso in palline, all'interno delle quali ho inserito tanti pezzi di cioccolato. Per una dozzina di panini, io ho utilizzato 100 g di cioccolato fondente (blocco da cucina) di Altromercato (credo sia una novità perché era la prima volta che lo vedevo in bottega e quindi mi sono precipitata a provarlo... ottimo!!!) che ho precedentemente tagliato in modo grossolano con un coltello. Non è poco, ma se devo dirla tutta, il bello di questi panini è proprio il cioccolato... quindi, meglio abbondare, no?! :-) Infine, ho sbattuto un uovo con un cucchiaio di zucchero e ho spennellato i panini con questa cremina. In forno a 180° per 20-25 minuti e...


...buona colazione a tutti!

lunedì 14 gennaio 2013

Mini-croissant da regalare a colazione

Sì, lo so, sono un po' monotematica. Però non posso farci nulla, sono convinta che regalare la colazione a un'amica, ai genitori prima di andare al lavoro, ai colleghi, ai clienti... sia un gesto delizioso e un augurio di buona giornata che non conosce eguali. E poi quanta soddisfazione dà cucinare per qualcuno, scegliere le carte e i nastrini? Sì, mi piace. Ecco perché oggi ho preparato dei piccoli dolcetti, simili a croissant, con un semplice rotolo di pasta brisée che avevo in frigorifero e qualche rimasuglio della mia dispensa (in fondo non c'è sempre bisogno di fare chissà quale ricetta, anche pochi semplici e rapidi gesti possono creare sapori meravigliosi!).


Ho usato:
  • 1 rotolo di pasta brisée
  • uvette
  • zucchero di canna
  • marmellata di arance 
  • cannella
  • zucchero a velo
Ho tagliato in 16 spicchi la pasta pronta (che aveva forma tonda). In 8 di questi ho messo, alla base del triangolo, un cucchiaino di marmellata, ho arrotolato e spolverato con la cannella. Negli altri 8 spicchi, ho messo invece un cucchiaino di uvette (lavate e asciugate) e una spolverata di zucchero di canna, sempre alla base del triangolo, e poi ho arrotolato. Ho infornato i mini-croissant a 180° per 10 minuti circa e poi spolverato tutto con lo zucchero a velo.


Io ho farcito questi "dolcetti omaggio" con marmellata di arance e uvette, ma voi potete sbizzarrirvi con gli ingredienti che preferite... è un'idea semplicissima, veloce ma carina, no?!


Buona colazione... da regalo!

venerdì 11 gennaio 2013

Un po' brioche, un po' torta, un po' panino al latte...

Non chiedetemi cosa sia questa strana creatura... non vi capita mai di svegliarvi con in mente delle immagini un po' annebbiate? Ecco, questa ricetta è l'unione di tre dolci (e annessi ricordi): i panini al latte che mi riportano alle feste che si facevano a scuola; una grande torta-brioche che aveva proprio questa forma e che mangiavo da piccola in Germania; il recente e profumatissimo Trdelnik assaggiato a Praga. Per farla breve, ho creato un mix di sapori e ricordi...


Ecco cos'ho inserito nella macchina del pane per l'impasto e la lievitazione (in quest'ordine):
  • 120 ml di latte
  • 50 g di burro fuso
  • 1 uovo
  • 250 g di farina 00 (io uso sempre quella del Molino Spadoni, la mia preferita!)
  • un pizzico di sale
  • 50 g di zucchero 
  • mezzo cucchiaino di vaniglia in polvere
  • 70 g di uva sultanina (lavata e asciugata con la carta assorbente)
  • 1 bustina di lievito secco per il pane
Dopo aver fatto lievitare per bene (la mia macchinetta ci mette circa 2 ore), con le mani infarinate ho creato una decina di panini che ho disposto a corona nella teglia da 20 cm precedentemente imburrata. 


A questo punto, per completare il dolce, ho usato:
  • 10-20 g di burro
  • un paio di cucchiaini di cannella
  • 3 cucchiai di zucchero


Ho sciolto il burro in un pentolino e l'ho distribuito con il pennellino su tutta la superficie; poi ho spolverato con lo zucchero e infine con la cannella. Ho infornato a 180° per circa mezz'ora e... eccolo qui, il dolce ideale per una colazione che profuma di ricordi. 


Buona colazione a tutti!


mercoledì 9 gennaio 2013

Strudel pops

Oggi sono davvero molto felice: mi sono inventata dei dolcetti facili facili e tanto simpatici! Eccoli qui! Come vi sembrano?


Sapete di cosa si tratta? Di piccoli Apple Strudel sullo stecco, ovvero biscotti di frolla ripieni di mele, uvette, cannella... Ma la cosa più bella è che si preparano in tempi rapidissimi!
Quindi... pronti? 3 -2- 1... via!

Servono:
  • un rotolo di frolla già pronta (se invece avete più tempo, potete mettervi a prepararla voi)
  • 1 mela
  • 20 g di burro
  • 2 cucchiai di uvette
  • 2 cucchiaini di pinoli (o noci o nocciole... insomma, quello che avete in casa e che vi piace di più)
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • una spolverata di cannella
  • 3 biscotti secchi

Ho preparato il ripieno mettendo in un padellino il burro, la mela tagliata a dadini piccoli, lo zucchero, le uvette precedentemente lavate e asciugate, la cannella. Ho fatto andare a fuoco basso una decina di minuti, giusto il tempo di far cuocere la mela. Una volta spento il fuoco, ho aggiunto i pinoli e sbriciolato i biscotti. Mescolato il tutto e lasciato raffreddare. 
Nel frattempo, ho preso la frolla e con uno stampino ho ricavato 24 tondi e ne ho disposti la metà sulla teglia ricoperta con la carta da forno. Con un cucchiaino ho inserito al centro di ognuno un po' di ripieno... così:


Poi ho ricoperto con gli altri dischetti che avevo lasciato da parte e con uno stuzzicadenti ho sigillato i due strati (un po' come per i ravioli, avete presente?!). Ho spolverato tutto con zucchero e cannella e infornato a 180° per una decina di minuti. Una volta cotti, potete mangiarli così come sono (sotto forma di biscotti ripieni) oppure potete infilare degli stecchi di legno (io ho usato le palettine che normalmente si utilizzano per il caffè) quando sono ancora caldi. E voilà... secondo me sono molto carini. 


Buona colazione divertente (per grandi e piccini)!


lunedì 7 gennaio 2013

Macedonia invernale con cialde di nocciola

L'altro giorno stavo sfogliando l'ultimo numero de La Cucina Italiana e... mi cade l'occhio su questa macedonia sfiziosissima e stagionale! Very nice! Insomma, lo confesso, non avevo mai pensato di fare colazione con la macedonia in questo periodo. E invece, dopo questa lettura, l'ho fatta e mi è piaciuta un sacco... esperimento da rifare mille volte e con tante altre varianti! ;-) Anzi, se avete qualche suggerimento al proposito, fatevi avanti, mi fa solo piacere.



Rispetto alla ricetta originale, ho apportato qualche modifica, prima fra tutte le cialde: sulla rivista erano fatte con le arachidi ma siccome a me non fanno impazzire, le ho sostituite con le nocciole (che invece adoro!). E poi ho snellito un po' la procedura, eliminando la marinatura delle pere con lo zenzero, che avrebbe dato sicuramente risultati migliori ma purtroppo non avevo tempo (uffa, sempre di corsa!).

Ecco quindi gli ingredienti che ho usato per quattro coppette abbondanti di macedonia:

  • 3 pere
  • 10 datteri freschi
  • succo di mezzo limone
  • un paio di cucchiai di zucchero 
  • una spolverata di vaniglia in polvere
Per le cialde, invece, ho usato:
  • 60 g di nocciole pelate
  • 50 g di zucchero a velo
  • 1 albume
  • 50 g di farina
  • 50 g di burro
  • un pizzico di sale
Ho preparato le coppette con le pere e i datteri tagliati a dadini; ho spruzzato il limone (questa ve la devo raccontare, a Natale mio zio mi ha regalato uno strumentino simpaticissimo che "vaporizza" il limone... sinceramente pensavo fosse una bufala e invece funziona! troppo carino!!!) e mescolato lo zucchero e la vaniglia; dopodiché ho messo in frigorifero mentre preparavo le cialde. 

E veniamo a questi meravigliosi "biscottini": ho tostato in un padellino le nocciole; le ho frullate e poi unite alla farina. Pian piano vi ho incorporato lo zucchero a velo, l'albume montato a neve, il burro e  il sale. 
A questo punto ho steso la pasta sottile (con spessore massimo di 3-4 millimetri) sulla teglia ricoperta di carta da forno creando una specie di lastra (ora, mi rendo conto che questa descrizione non è il massimo e la procedura non è proprio "ortodossa" ma vi assicuro che funziona e fa risparmiare tempo ;-)). Ho infornato a 180° per 5-6 minuti e appena tirato fuori dal forno ho preso una formina tonda e ho ricavato tanti dischetti che, ancora caldi, ho appoggiato sul mattarello in modo da farli diventare tondeggianti... Alla fine, ho assemblato e soprattutto mangiato di gusto! ;-)


Buona macedonia invernale a tutti!

venerdì 4 gennaio 2013

Plumcake fumé (scamorza e pancetta)

Come promesso, ecco una colazione salata: ieri ho preparato dei piccoli plumcake affumicati con scamorza e pancetta... cosa ne dite? Ne mangereste uno? :-)


Ingredienti per 14 piccoli plumcake (grandi quanto i muffins tanto per intenderci):
  • 230 g di farina 00
  • 2 uova
  • 20 ml di olio (e quasi quasi aggiungerei anche un pochino di burro, ma dipende dai gusti)
  • 200 ml di latte (potete usare tranquillamente quello di soia!)
  • 2 cucchiaini scarsi di sale 
  • 7 g di lievito secco istantaneo (altrimenti calcolate un'oretta per la lievitazione prima di infornare)
  • un cucchiaino di zucchero
  • un cucchiaino di bicarbonato
  • una spruzzata di pepe
  • una spolveratina di erba cipollina
  • 100 g di scamorza affumicata (tagliata a cubetti)
  • 100 g di pancetta affumicata a dadini

Ho versato in una ciotola la farina, il lievito, il bicarbonato, il sale, gli aromi (erba cipollina e pepe) e poi ho pian piano aggiunto le uova, l'olio, il latte e per ultimi pancetta e scamorza. Ho mescolato tutto per bene cercando di non lasciare grumi in giro... poi ho versato il composto negli stampini da plumcake (prima ungeteli o ricopriteli con pirottini, altrimenti si attacca tutto!). E via... in forno a 180° per 15-20 minuti. 

PS: potete usare anche la teglia per muffins se preferite... la sostanza non cambia!



Buona colazione salata!

mercoledì 2 gennaio 2013

Biscotti decorati con ciliegie e pistacchi

Buon anno amici!!! Per iniziare con allegria il 2013, mi è venuta voglia di preparare dei frollini con un tocco di colore e, siccome in dispensa ho trovato pistacchi e ciliegie disidratate (ne avevo comprato un sacchetto enorme al mercato... non mi finiscono più!), ecco il risultato...


Ingredienti per una teglia di biscotti:
  • 150 g di farina 00
  • 60 g di burro
  • 70 g di zucchero
  • 1 uovo
  • un pizzico di sale

Ingredienti per la glassa decorata:
  • 50 g di zucchero a velo
  • 2 cucchiaini di acqua tiepida
  • 50 g frutta disidratata (io ho usato le ciliegie)
  • 15 pistacchi sgusciati

Prima di tutto ho preparato la frolla mescolando lo zucchero con il burro e aggiungendo poi l'uovo, la farina e un pizzico di sale. Ho impastato bene e lasciato riposare qualche minuto in frigorifero. Nel frattempo, ho steso la carta da forno sulla teglia e preparato la glassa (mescolando lo zucchero a velo con l'acqua). 
Poi ho steso l'impasto, creato i biscotti con le mie formine e infornato a 180° per 10-15 minuti. Una volta raffreddati, ho ricoperto i biscotti con la glassa (se è troppo solida, aggiungete un goccio d'acqua finché diventa bella cremosa) e li ho decorati con i pistacchi spezzettati e le ciliegie.  Voilà...



...buona colazione colorata!!!